Evitare frutta spagnola!

Oltre il fatto che è sinceramente assurdo comprare frutta come arance, mele e pere dalla Spagna quando in Italia questi frutti da sempre sono stati l’eccellenza dei vari territori (arance = Sicilia, mele = trentino…), ma la cosa ancora più grave è che la Spagna utilizza pesticidi, vietati in Italia e nella maggior parte dei paesi dell’Unione Europea, come la Etossichina.

 

Questa frutta Spagnola “tossica” si trova nei nostri supermercati ed è anche a buon prezzo. 

 

L’etossichina permette di conservare la frutta in celle frigorifere per diversi mesi, senza che si annerisca e quindi non marcisce. Il risultato è un frutto vecchio con un pesticida pericoloso per la nostra salute, in particolare per il fegato. La stessa Coldiretti, qualche tempo fa, ha denunciato la presenza di questo pesticida nella frutta proveniente dalla Spagna, in particolare pere e mele. 

 

Spiega Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti: “E’ allarme in Italia per la presenza di frutta spagnola “tossica” perché trattata con una sostanza pericolosa per la salute utilizzata per allungarne la conservazione anche durante il trasporto. Una misura necessaria per tutelare la salute dei consumatori e difendere i produttori italiani dalla concorrenza sleale….”

Total votes: 570