21.3 C
Rome
sabato, Ottobre 16, 2021

Cibi con OGM

Oggi purtroppo rischiamo di ritrovarci gli OGM in tavola perché non si sa quale siano gli ingredienti geneticamente modificati presenti nella catena alimentare. Ai consumatori viene di fatto negato il diritto di poter scegliere.

Nel mondo, dati 2008, sono stati coltivati oltre 125 milioni di ettari di piante geneticamente modificate. L’Italia si è dichiarata, per adesso, OGM free. Speriamo che mantenga questa posizione nonostante la forza delle “pressioni economiche” in materia di OGM.

La multinazionale leader del settore è la Monsanto ( Acquisita da parte della Bayer per più di 60 miliardi di dollari) che realizza prodotti chimici per l’industria alimentare, pesticidi, materiali plastici, ormoni per ingrassamento bovini, si occupa di biotecnologia applicata alla coltura transgenica e lotta contro i parassiti. Vi rimandiamo per un approfondimento a questo interessante articolo che spiega chi è e cosa fa la Monsanto.

 

Elenco di alcuni cibi fatti con OGM

(Nelle confezioni dei prodotti NON è sempre specificata la presenza di alimenti trasgenici)

Con il termine OGM (organismo geneticamente modificato) si identificano tutti gli organismi che hanno subito una modifica artificiale del proprio patrimonio genetico (DNA).

 

Gli OGM non mostrano alcun beneficio oggettivo per i consumatori e gli agricoltori, ma solo per l’industria biotech che brevetta e vende semi transgenici e sostanze chimiche.

 

L’obiettivo dei produttori meno virtuosi è diverso dal nostro:

vogliono che i cibi siano belli, senza “macchie” e scadano il più tardi possibile. Per fare questo utilizzano sostanze chimiche di varia natura (e non da ultimi OGM e pesticidi vari) in modo da renderli più belli, lucidi e duraturi (perchè, in sostanza, più stanno nello scaffale più possibilità hanno di venderli).

noi vorremmo che il cibo fosse fresco, che non venga fatto con ingredienti creati chimicamente in laboratorio o che non si trovino in natura. Insomma, vorremmo cibi che non facciano male alla salute nostra e dei nostri cari.

 

Ovviamente il giro di denaro nell’ambito OGM è altissimo, per tale motivo capita spesso di sentire che gli OGM sono il rimedio per la fame nel mondo o un passo verso un’agricoltura rispettosa dell’ambiente: qualcuno ci crede?!

 

In un interessante articolo di Greenpeace, che da anni si batte contro il rilascio in ambiente degli OGM, si legge: “Gli OGM sono un pericolo per l’ambiente, comportano rischi per la salute e minacciano gli equilibri economici e sociali“. Sollevano, inoltre, questioni etiche che non sono state sufficientemente discusse. Ad oggi gli organismi geneticamente modificati non sono altro che una sfaccettatura di un settore agricolo di stampo industriale, in cui l’uso di erbicidi e pesticidi è molto diffuso.

Inoltre, il rilascio di OGM nell’ambiente comporta notevoli rischi, come la perdita di biodiversità, e molti altri addirittura imprevedibili”.

 

ARTICOLO DI APPROFONDIMENTO

La lista dei produttori alimentari che utlizzano OGM nella filiera produttiva

Un Ogm è, quindi, un organismo i cui geni sono stati modificati attraverso tecniche di ingegneria genetica, comunemente note, in ambiente scientifico, con il nome di tecniche di Dna ricombinante. La tecnica prevede la combinazione in vitro di diverse molecole di Dna per creare un nuovo gene, diverso da gene originario, che viene successivamente inserito in un organismo che può essere vivente o meno.

Per la differenza fra Ogm transgenici e OGM cisgenici vi rimandiamo alle pagine di Wikipedia.

 

La divisione russa di Greenpeace ha elaborato un quadro di insieme sulle aziende che utilizzano sistematicamente gli  OGM nei loro cicli produttivi stilando un elenco dei prodotti, commercializzati da queste aziende, che prevedono l’utilizzo di materie prime OGM.

Già dal 2000 in molti paesi dell’Unione Europea e degli USA sono state create liste di aziende che utilizzano i prodotti  transgenici che vengono pubblicate ed in alcuni casi pubblicizzate.

Su questa scia Greenpeace.org ha pubblicato il risultato della nuova ricerca partendo dal presupposto che le indagini non possono uniformare i mercati, ma segnalano la tendenza della produzione di catene e aziende”. Ovviamente la lista non è esaustiva e comprende alcuni prodotti presenti nei supermercati italiani.

Bene, bando alle ciancie, eccovi la lista (in ordine alfabetico per produttore) di Greenpeace Russia (greenpeace.org).

In grassetto i prodotti presenti anche in Italia:

 

Società di produzione Kellog’sTipologia di prodotto
Corn Flakescereali
Frosted Flakescereali
Rice Krispiescereali
Corn Popsfiocchi
Schiaffifiocchi
Froot Loopsanelli di cereali colorati
Di Apple Jackscereali-ring con il gusto di mela
All-Bran Apple Cinnamon / Blueberrycrusca sapore di mela, cannella, mirtillo
Gocce di cioccolatogocce di cioccolato
Pop Tartssfoglia ripiena di tutti i gusti
Nutri-grainBiscotti ai cereali anche ripieni gusti vari
Crispixbiscotti
Smart Startfiocchi
All-Branfiocchi
Just Right Fruit & Nutfiocchi
Miele Crunch Corn Flakescereali
Raisin Bran Crunchcereali
Cracklin “crusca di avena”fiocchi

 

 

Società di produzione Hershey’sTipologia di prodotto
Tobleronecioccolata, vari tipi
Mini Bacicioccolatini
Bacicioccolatini
Kit-Katbarretta di cioccolato
Chipsbiscotti semi-dolci
Chocolate Chipsbiscotti coccolato al latte
Reese’s Peanut Butter Cupsburro di arachidi
Scuro specialetavoletta cioccolato fondente
Cioccolato al lattetavoletta cioccolato al latte
Sciroppo di cioccolatosciroppo
Dark Chocolate Syrupsciroppo
Strawberry SyropSciroppo di fragola

 

 

Società di produzione MarsTipologia di prodotto
M & M’scioccolatini, vari tipi
Snickersbarretta snack al cioccolato
Via Lattea (Milk-Way)barretta snack al cioccolato
Twixbarretta snack al cioccolato
Crunch fiocchi di riso al cioccolato
Cioccolato al latte Nestlecioccolato
Nesquikpreparato in polvere per bevanda al cioccolato
Fruit & Nutbarretta snack

 

 

Società di produzione HeinzTipologia di prodotto
Ketchupnormale senza sale
Chili Saucesalsa di peperoncino rosso
Heinz 57 Steak SauceSalsa con sugo di carne

 

 

Società di produzione Hellman’sTipologia di prodotto
Reale Maionesemaionese
Maionese Lightmaionese
Maionese Low-Fatmaionese

 

 

Società di produzione Coca-ColaTipologia di prodotto
Coca-Colabevanda gassata dolce
Spritebevanda gassata dolce
Cherry Cocabevanda gassata dolce
Minute Maid Arancionebevanda gassata dolce
Minute Maid Uvabevanda gassata dolce

 

 

Società di produzione PepsiCoTipologia di prodotto
Pepsibevanda gassata dolce
Pepsi Cherrybevanda gassata dolce
Mountain Dewbevanda gassata dolce

 

 

Società di produzione Frito-Lay / PepsiCo (componenti OGM possono essere presenti nel petrolio e altri ingredienti)Tipologia di prodotto
Stabilisce Potato Chipspatatine in busta
Cheetossnack al formaggio

 

 

Società di produzione Cadbury / SchweppesTipologia di prodotto
7-Upbevanda gassata dolce
Dr. Pepperbevanda gassata dolce

 

 

Società di produzione Pringles Tipologia di prodotto
PringlesSfoglie di pasta di patata con sapori originali, Magro, Pizza, Sour Cream & Onion, Salt & Vinegar, Cheezeums

 

E per concludere, ecco un bel paradosso per voi:

nel 2012 la Corte di Giustizia Europea ha condannato l’Italia per avere vietato la coltivazione di mais Mon810 (geneticamente modificato) alla multinazionale statunitense Pioneer Hi Bred. Che, nel 2008, aveva intentato causa al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali per non avere permesso alla sua filiale italiana di coltivare il cereale sviluppato da Monsanto.

Secondo la Corte, se la coltivazione di una pianta geneticamente modificata è già stata autorizzata dall’Unione Europea, non c’è sovranità nazionale che tenga, e ogni Stato membro si deve adeguare.

http: // www. greenpeace.org/russia/Global/russia/report/2006/7/32698.pdf

http: // files.meetup.com/207052/Le%20liste%20di%20Greenpeace%20-%20OGM.pdf

http: // lesyafit.ru/?p=2988

Articolo precedenteAcrilammide, impossibile evitarla
Articolo successivoEvitare frutta spagnola!

Related Articles