21.3 C
Rome
sabato, Ottobre 16, 2021

I legumi riducono il rischio di cancro

Il dott. Franco Berrino (medico ed epidemiologo) spiega con parole semplice l’importanza di mangiare legumi anche per ridurre il rischio di cancro.

“Non si mangiano più i legumi, c’è addirittura chi mangia solo le lenticchie a Capodanno con lo zampone. I legumi sono stati meno studiati rispetto ai cereali proprio perché vengono mangiati meno.

Tuttavia ci sono due studi importanti sui legumi uno spagnolo e uno americano. Nello studio spagnolo le persone che mangiano più frequentemente legumi dimezzano il loro rischio di cancro, mentre nello studio americano è emerso che viene ridotto di un terzo il rischio di cancro.

I legumi hanno la proprietà meravigliosa di avere un indice glicemico molto basso e di rallentare la velocità di assorbimento del glucosio. Sarebbe opportuno che ci siano un po’ di legumi a tavola tutti i giorni, non c’è bisogno che siano tanti, sono sufficienti due o tre cucchiai.

Anche le noci, le nocciole e le mandorle hanno la capacità di rallentare l’assorbimento del glucosio. Quindi fave, ceci, lenticchie, fagioli, cicerchie, vanno tutti bene e si possono fare anche dei piatti meravigliosi.

E poi c’è un altro legume eccezionale: la Soia. Gli studi mostrano che chi mangia prodotti tradizionali di soia si ammala meno.

Le persone non mangiano legumi perché fanno gonfiare la pancia, ed è normale che questo avvenga proprio perché non vengono mangiati spesso, quindi bisogna introdurli nella propria dieta con gradualità, iniziando con uno o due cucchiai al giorno, in modo da allevare i microbi buoni dell’intestino che saranno poi capaci di digerirli per noi. E ne avremo dei vantaggi sia gastronomici che di salute.

E considerate anche i legumi che non sono tradizionali delle nostre parti, oltre la soia ci sono gli azuki, che sono più piccoli dei fagioli con un colore rosso scuro, poi ci sono i legumi neri come i fagioli neri, la soia nera che ha un’azione particolare sui genitali e sulla gola, molti cantanti la utilizzano. Poi c’è il fagiolo mung, chiamato anche fagiolo verde, quello con cui si fanno i cosiddetti germogli di Soia che vengono appunto fatti con il fagiolo mung e non dalla soia.

Un altro suggerimento è di non comprare solo i fagioli secchi o i piselli secchi ma anche quelli freschi che si trovano solo una volta l’anno e che si possono mangiare anche crudi ed hanno un gusto molto zuccherino.

La gente si lamenta perché ci vuole un’ora per cuocere i legumi, ma ricordiamoci che non dobbiamo guardarli mentre cuociono, fanno tutto da soli basta ricordarsi di andare a spegnere il fuoco quando sono pronti. Comunque nei negozio naturali è possibile trovare degli ottimi legumi lessi e pronti in barattolo di vetro.

I legumi per migliaia di anni sono stati l’alimento dell’uomo
Fino a 100 anni fa ma anche 70 anni fa, prima che si imponesse l’industria alimentare, tutti i popoli del mondo mangiavano tutti i giorni cereali e legumi, che sono stati per migliaia e migliaia di anni il cibo dell’uomo. Non abbiate paura dei cereali integrali e dei legumi, introduceteli gradualmente, masticate bene e avrete tanti vantaggi e anche la pancia piatta”.

Articolo precedenteChi Siamo

Related Articles